Il progresso digitale della reputazione aziendale
09/04/2018

Vendere a tutti i costi? No, grazie: ascolta la tua community, poi pensa ai contenuti!

Pubblicare contenuti per vendere a tutti i costi, senza considerare i desideri della tua audience, è una pratica sbagliata e davvero poco lungimirante. Ecco come avvicinarsi ai nuovi consumatori e dare la giusta attenzione ai già clienti.

In questo momento si stanno verificando migliaia di conversazioni. Sui social media, sui blog, sui forum e su ogni spazio web possibile e immaginabile dove possa esserci un luogo di incontro virtuale e la possibilità di dialogo. Le aziende lo sanno, ma hanno ancora fretta di mostrare chi sono, ciò che vorrebbero vendere al pubblico e spesso senza troppe intenzioni di evolversi, così non si concentrano sulla creazione di rapporti umani e di valori autentici con i clienti. Questo porta, conseguentemente, a trascurare gli utenti che arrivano dal web e che potrebbero affezionarsi ai brand.

Dedicandosi alla propria comunità online, invece, si riesce a migliorare il rapporto tra il business e le persone: dare importanza a questo legame significa perfezionare la reputazione aziendale e agevolare la richiesta di prodotti e servizi da parte del pubblico. Per rispondere a questa esigenza, nel mercato sempre più emergente, c’è il community manager, che ha proprio il compito di supervisionare e gestire la relazione tra un’azienda e gli utenti, sempre pronto a prestarsi come connessione bilaterale.

Come agisce il community manager per creare una sintonia tra brand e consumatore?

Effettua ricerche per capire rapidamente gli argomenti che ruotano intorno al brand e valutarne, dove possibile, l’origine; scopre i comportamenti e gli interessi degli utenti coinvolti; ascolta attentamente ciò che viene espresso in merito all’azienda; analizza ogni aspetto di queste ricerche nel loro complesso e nel dettaglio; elabora i contenuti confrontandosi con il team marketing dell’impresa, perché diventino sempre più profilati; coinvolge il pubblico nei vari spazi online adibiti al dialogo. E si ricomincia daccapo.

La percentuale maggiore di successo (circa l’87%) lo avremo con la cura dei nostri utenti e proponendogli contenuti profilati; seguire solo una strategia di contenuti ci porterà al massimo un 55% di crescita (che se non sarà supportata dalla fidelizzazione, tenderà a scendere); ostinarsi a pensare a ciò che piace all’azienda, pubblicizzarsi come leader del settore, lanciare contenuti poco interessanti e palesemente incentrati sulla vendita, non porterà molti nuovi risultati (con un massimo del 13%).

La decisione su come agire, ora, spetta a te! 😉

Scarica ora la versione completa in slide da SlideShare!

Desideri sapere quando uscirà il prossimo articolo e quando sarà disponibile una nuova risorsa? Iscriviti ora alla newsletter! 📩😎

eleonoratronci
eleonoratronci
Informatica&Web-dipendente dall'età di 10 anni, oggi sono Web Consultant e Community Manager. Mi piace connettermi, esplorare e condividere, confrontarmi in team, usare la testa e la creatività, imparare nuove cose e metterle in pratica. Aiuto le aziende a riscoprire il proprio lato umano perché è quello che, anche inconsciamente, il cliente desidera. Fuori dal lavoro ho molte passioni, e sopra ogni cosa amo cantare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *